skip to Main Content

Ciao sono Max la persona vera dietro a BartaMax.com, dove racconto la mia storia, in modo da sciogliere dubbi e paure che alcuni hanno prima di buttarsi sul web, quale che sia il loro obiettivo.

Nato nel millennio ormai passato, amo le destinazioni lontane, osservare e comprendere culture differenti; ho un lavoro che presto cambierò(sarete i primi a saperlo) e non mi arrendo mai.

Uso le difficoltà di ogni giorno per diventare una versione ancora migliore di me stesso,

Una versione che raggiunga il Proprio Unico Successo personale che identifico in una vita libera da impegni che devo fare controvoglia in un posto di lavoro che non è certo il mio ideale di vita.

Una Versione libera finanziariamente e quindi in grado di vivere la propria vita al massimo

Successo Personale

caratteristiche positive uomo
Vanity Metrics 1920

Vanity Metrics: lascia perdere Analytics e tutti gli altri

Le Vanity Metrics sono la giornaliera fissazione di chiunque ha un sito web:

Blog, e-Commerce, Sito Vetrina, Aziendale, ecc. ecc.

La mia frase sarà percepita da molti come un sacrilegio, un vade retro satana che cerca di togliere i migliori strumenti dalle mani di chi si occupa di websites, comunque ciò non mi interessa e la dico ugualmente.

Prima smetti di guardare queste inutili statistiche e ti concentri su quelle che davvero fanno la differenza, meglio è!

Anche Google non è immune da ciò, ho affermato nel titolo del post, di lasciar perdere anche Analytics perché la pagina di benvenuto con i suoi vari grafici non ha nemmeno una statistica utile davvero.

Quali e cosa sono le Vanity Metrics?

La definizione classica è questa:

tutte quelle statistiche e dati che ci fanno sentire bene, che gonfiano il nostro ego, come avere un milione di visualizzazioni, centomila share, un miliardo di Like su Facebook…

Non ci dicono nulla sullo stato reale di salute del sito web, vero che tanti lo vedono, vero che abbiamo Like e sharing dei nostri contenuti, ma di quello che conta ne sappiamo ancora zero.

Cosa conta davvero in un sito web che si presuppone voglia guadagnare?

Totale delle vendite, percentuali di conversione, Lifetime Value dei clienti, soldi spesi per l’acquisizione di un nuovo cliente, ritorno economico ecc. ecc.

Vediamo quindi perché alcune sono importanti ed altre utili solo per farci sentire fighi e famosi, delle piccole star del web(ricordate Youtube).

Per semplicità della cosa, mettiamo che abbiamo due siti molto simili con lo stesso prodotto in vendita:

sul sito A abbiamo un milione di visitatori mese, centomila Like e 10000 share.

Il sito web B ha solo mille visitatori, zero Like e zero share.

Quale dei due è il migliore?

Che ‘azzus di domande fai Max, certo che il primo è 100 volte meglio, lo capirebbe anche un neonato!

Faccio questa domanda, perché può essere che quello più visitato sia il migliore, ma da queste Metrics non possiamo saperlo.

Aggiungo quindi qualche statistica utile:

il sito A ha tre persone che si trasformano in clienti ogni mese.

Il sito web B che ricordo ha solo mille visualizzazioni e zero presenza sui social, ottiene questi risultati:

30 persone ogni mese tirano fuori il portafoglio e diventano clienti.

Con queste informazioni quale è il migliore?

Senza ombra di dubbio il secondo, il meno visitato.

Non solo vende più dell’altro, ma lo fa dieci volte di più!

Alla fine in ogni progetto commerciale quello che conta sono solo due cose:

  • quanto si incassa
  • quanto si spende.

Abbiamo appena detto che il progetto B guadagna molto di più, ma dai numeri possiamo intuire che sicuramente spende pure di meno:

con un milione di visitatori ci vuole un hosting di qualità superiore, aumentano le mail a cui rispondere, il tempo e l’energia necessaria a gestire il tutto, ecc. ecc.

Per mille visitatori è sufficiente un servizio di hosting normale ed anche la mole di lavoro a cui siamo sottoposti per gestire il sito sarà notevolmente minore, potendoci concentrare maggiormente su ciò che conta davvero:

la qualità del servizio ai clienti paganti.

 

Alle porte del 2018 le Vanity Metrics non hanno perso il loro sex-appeal…

Nonostante la lampante chiarezza che sono metriche che non ci danno il reale stato di salute di un sito e che volendo sono facilmente manipolabili, riescono ancora ad essere il primo dato su cui cade l’attenzione:

Quanti visitatori al giorno, e quanti al mese?

Quanti utenti vengono sul tuo Blog, quanto tempo vi restano?

Poter rispondere migliaia di visitatori al giorno, riempie l’ego di chi lo dice volendo sembrare casuale, che non gli importa:

in realtà si eccita più con le statistiche del suo sito, che con i films porno…

 

Non valgono davvero niente le Vanity Metrics?

Non ho detto questo, o almeno non lo intendevo del tutto:

hanno un valore, ma va sempre considerato in un’ottica globale del sito, tenendo ben presente quali sono i nostri obiettivi.

Normalmente passare da centomila ad un milione di visitatori è sempre un bene, dato che di solito cresce anche il numero dei clienti.

Quando questo però non accade va capito subito, la maggior parte di noi non è sul web per diventare famoso, quanto per guadagnare qualcosa, oltre che portare la sua esperienza al mondo intero.

Logicamente più crescono i visitatori e meno di solito è la percentuale di vendita:

con pochi utenti il sito è di nicchia ed ha un suo visitatore target che si riconosce molto nel website; quando i numeri crescono molto, andiamo a pescare nell’utenza normale a cui il nostro website non dice molto, quindi minor vendite percentuali.

Minori ma il numero totale deve essere in aumento, altrimenti ripensare immediatamente la strategia di crescita, visto che non fa salire le metriche di vendita che valgono molto di più di quelle dei visitatori.

Esempio per capirsi meglio:

website con mille visitatori, tasso di conversione in clienti 10%, con il risultato che abbiamo 100 clienti.

Riusciamo a passare da mille a diecimila visitatori, ma il tasso di conversione precipita a 0,5%.

Abbiamo quindi 10000 x 0.5% = 50 clienti.

Abbiamo decuplicato i visitatori e di conseguenza perso metà dei clienti che pagano, non è certo un buon affare!

Caro Max i tuoi esempi sono sempre esagerati!

Forse si, forse no, l’esagerazione serve a far capire le cose, poi a volte anche la realtà esagera, anche molto di più del sottoscritto.

Per aumentare il numero dei visitatori molti scelgono di diventare più generalisti, meno di nicchia, in modo di attirare nuove persone:

questo comporta di scontentare la nostra nicchia che comprava in buon numero.

Numero di clienti che il nuovo sito generalista non riesce a creare proprio per il suo essere meno specifico.

Quanto detto sopra vale per chi ha un prodotto proprio da vendere, chi si affida a banner e pubblicità varie non lo prendo qui neanche in considerazione(per loro le Vanity Metrics sono più importanti).

 

Perché dico che sono facilmente manipolabili le Vanity Metrics?

Molto semplice, lo dico perché è vero!

Con pochi euro potete comprare quanto traffico volete.

Mettiamo che volete vendere il vostro sito web e sapete che verrà valutato su quanti visitatori giornalieri avete sulla vostra creazione.

Non ci vuole poi molto a far aumentare artificialmente il traffico per qualche mese per ottenere una valutazione più alta del nostro website.

Quando invece viene valutato su clienti, incassi, ricavi e simili, la cosa cambia completamente faccia:

la manipolazione diventa più difficile da mettere in pratica e come minimo molto più costosa per chi la tenta, rendendola di fatto impraticabile.

Buone metrics a tutti vanity e non…

Max

max@bartamax.com

www.bartamax.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top