skip to Main Content
BartaMax Logo

Libera l'imprenditore che c'è in te e crea la tua Libertà Finanziaria sul web!

 

Il mio nome è Max ed ho fondato bartamax.com quando mi sono reso conto che molti non dicono la verità sul web, non dicono davvero come si guadagna con e su internet:

dicono solo quello che le persone vogliono sentirsi dire.

Apri un blog, crei il tuo sito e-Commerce, lo automatizzi e giri il mondo in barca a vela mentre il tuo sito web continua a vendere sempre di più.

Per coloro che soffrono il mal di mare o la barca gli va stretta, possono rimanere in spiaggia guardando con un occhio il mare con l'altro il telefono che ogni minuto ci dice che abbiamo venduto qualcosa.

Sai cosa, voglio provarci anche io, del resto è tutto così facile, se ci riescono quei nerd insignificanti americani, io che discendo da Leonardo da Vinci in pochi mesi faccio i fantastiliardi!

Questo pensano molti leggendo i mirabolanti guadagni di alcuni personaggi del panorama www in Italia.

Le cose non stanno così!

Guadagnare soldi sul web per chi non è pratico di questo mondo, è più difficile che nel mondo reale, l'unica grande differenza è l'investimento monetario con cui iniziare:

enorme fuori, molto piccolo almeno all'inizio sul web.

Meglio una verità scomoda che una dolce bugia, quando si tratta di migliorare la nostra vita.

Niente paura, se molti hanno sprecato enormi quantità di tempo denaro ed energia è perché non sapevano la strada, si illudevano che dato il web è così enorme basta poco per fare i soldi.

Infatti hanno ragione, basta poco per farli, però bisogna azzeccare il giusto poco, altrimenti ci rimetterai sempre e comunque.

 

Su bartamax ci sono e vi saranno sempre di più consigli operativi:

  • Dove si guadagna di più?
  • Come si aumentano i clienti?
  • Come si stabilisce che sono vanity metrics o le chiavi segrete del nostro progetto?
  • Come si combattono i nostri limiti interni che frenano il nostro percorso?
  • Perché non trovi lavoro e come trovarlo.
  • Cosa conta davvero, guadagnare o risparmiare?
  • Come attirare il giusto tipo di visitatori?
  • Quali clienti sono i migliori?
  • Come riconoscere chi si fa perdere solo tempo e chi sta per comprare.

Queste ed altre domande trovano risposta su BartaMax, in modo pratico ed utile, non solo grandi castelli di carta campati in aria.

Alcuni Post sono e saranno più leggeri, ma il succo è in quelli pesanti:

metodi, tecniche, strategie e trucchi per svoltare, per essere di più di quello che eravamo e che avevamo ieri.

 

 

Successo Personale

caratteristiche positive uomo
Automobiles 502135 1920

Tutta colpa di Ford se lavoriamo 40 ore

Mi considerano pazzo  perché non voglio vendere i miei giorni in cambio di oro. E io li giudico pazzi perché pensano che i miei giorni abbiano un prezzo.”

Khalil Gibran

Forse molti non sanno che all’inizio della sua carriera che lo avrebbe immortalato per sempre, Henry Ford fece vari studi su quale orario fosse il migliore per la produttività dei suoi dipendenti.

Non che gli fregasse niente dei suoi dipendenti, questo sia chiaro, quello che gli interessava era vedere quante ore potevano lavorare gli operai prima che il rapporto tra produttività, errori, e costo orario, non fosse più conveniente per lui che pagava.

Venne fuori, guarda il mondo come è strano, che questo limite era quaranta ore a settimana:

ecco perché in quasi tutto il mondo industrializzato la settimana lavorativa è di circa 40 ore.

Ora se è vero che in Italia qualcuno lavora 36 ore tipo statali e comunali, altri anche dipendenti, per non parlare di chi padrone della baracca lavorano molte, molte ore in più.

Si parla di 50, 60 ore con punte di 80 anche cento ore a settimana che qualcuno sbandiera come un Badge of Honor, come se davvero lavorare più ore volesse dire fare di più.

Intanto una piccola considerazione personale:

dei milioni, miliardi di specie passate e presenti del pianeta Terra siamo l’unica che lavora.

In più ci consideriamo anche l’unica specie intelligente:

fatemi capire bene, allora l’intelligenza è lavorare?

Quindi più uno lavora e più uno è intelligente?

O magari è l’esatto contrario?

Prima che mi fonda il cervello lasciamo perdere e torniamo alle 40 ore, decise da un uomo , Henry Ford, per un lavoro la catena di montaggio automobilistica che praticamente non esiste più:

alle catene di montaggio ormai ci sono i robot, anche la Cina ha iniziato a sostituire persone con i robot e lì il costo orario di un operaio è circa 2 dollari…

Sarà vero quindi che lavorare più ore vuol dire produrre di più, oppure dipende da altri fattori:

chiunque avrà notato che due persone diverse fanno quantità di lavoro differente in un’ora, non solo anche la stessa persona magari la mattina appena arrivata fa 10 e il pomeriggio poco prima di andare via è già tanto se fa un terzo di quello che faceva la mattina bello fresco.

Finalmente molte aziende soprattutto nel settore I.T.  e finanziario, hanno capito che quando si tratta di lavori mentali, creativi non si può misurare il lavoro svolto in questo modo:

addirittura Google lascia ai dipendenti il 20% del tempo per dedicarsi a progetti personali, gli fa scegliere i progetti a cui lavorare, cucina di lusso e tanto altro.

Non a caso se non ricordo male negli ultimi dieci anni si è presa la prima posizione 7 volte di cui cinque consecutivi, come miglior posto di lavoro al mondo(tra le multinazionali).

Il concetto in un mondo che si muove ed innova in maniera sempre più veloce è:

non importa se ci stai due ore, due giorni o due minuti, l’importante è che il lavoro sia fatto…

… ma soprattutto che serva a qualcosa, altrimenti tanto vale non farlo…

Fatemi sapere cosa ne pensate nei commenti

il vostro Max

 

Back To Top