skip to Main Content
BartaMax Logo

Libera l'imprenditore che c'è in te e crea la tua Libertà Finanziaria sul web!

 

Il mio nome è Max ed ho fondato bartamax.com quando mi sono reso conto che molti non dicono la verità sul web, non dicono davvero come si guadagna con e su internet:

dicono solo quello che le persone vogliono sentirsi dire.

Apri un blog, crei il tuo sito e-Commerce, lo automatizzi e giri il mondo in barca a vela mentre il tuo sito web continua a vendere sempre di più.

Per coloro che soffrono il mal di mare o la barca gli va stretta, possono rimanere in spiaggia guardando con un occhio il mare con l'altro il telefono che ogni minuto ci dice che abbiamo venduto qualcosa.

Sai cosa, voglio provarci anche io, del resto è tutto così facile, se ci riescono quei nerd insignificanti americani, io che discendo da Leonardo da Vinci in pochi mesi faccio i fantastiliardi!

Questo pensano molti leggendo i mirabolanti guadagni di alcuni personaggi del panorama www in Italia.

Le cose non stanno così!

Guadagnare soldi sul web per chi non è pratico di questo mondo, è più difficile che nel mondo reale, l'unica grande differenza è l'investimento monetario con cui iniziare:

enorme fuori, molto piccolo almeno all'inizio sul web.

Meglio una verità scomoda che una dolce bugia, quando si tratta di migliorare la nostra vita.

Niente paura, se molti hanno sprecato enormi quantità di tempo denaro ed energia è perché non sapevano la strada, si illudevano che dato il web è così enorme basta poco per fare i soldi.

Infatti hanno ragione, basta poco per farli, però bisogna azzeccare il giusto poco, altrimenti ci rimetterai sempre e comunque.

 

Su bartamax ci sono e vi saranno sempre di più consigli operativi:

  • Dove si guadagna di più?
  • Come si aumentano i clienti?
  • Come si stabilisce che sono vanity metrics o le chiavi segrete del nostro progetto?
  • Come si combattono i nostri limiti interni che frenano il nostro percorso?
  • Perché non trovi lavoro e come trovarlo.
  • Cosa conta davvero, guadagnare o risparmiare?
  • Come attirare il giusto tipo di visitatori?
  • Quali clienti sono i migliori?
  • Come riconoscere chi si fa perdere solo tempo e chi sta per comprare.

Queste ed altre domande trovano risposta su BartaMax, in modo pratico ed utile, non solo grandi castelli di carta campati in aria.

Alcuni Post sono e saranno più leggeri, ma il succo è in quelli pesanti:

metodi, tecniche, strategie e trucchi per svoltare, per essere di più di quello che eravamo e che avevamo ieri.

 

 

Successo Personale

caratteristiche positive uomo
Prova 2 Resized 1

Scelta intelligente o scelta alla moda: FatBike Elettrica

L’avanzata è lenta, soprattutto in Italia, ma inarrestabile, ogni giorno ci convertiamo sempre di più verso una società basata sulla corrente elettrica.

Cioè già lo siamo, ma produrla con carbone, gas e petrolio che sono limitati, inquinanti e puzzolenti non è proprio una delle più grandi idee avute dall’uomo, inoltre quello che ci ha portato fin qui non ci può portare per molto ancora.

Se il futuro è elettrico, dalle macchine in giù è certo che il miglior prodotto per provarne i benefici è una bicicletta elettrica, detta anche e-bike:

niente parti in più, tutto ridotto all’essenziale, la massima efficienza, pochi kg di mezzo più noi sopra, inoltre sfruttiamo in parte anche la nostra forza quando vogliamo, così ci teniamo anche in forma dopo le lunghe giornate al computer.

Come vi dicevo e BartaMax mantiene la sua parola, voglio con calma ma inesorabilmente staccarmi dal lavoro dipendente e costruire la mia libertà finanziaria, quindi per ora sono solo come consulente, ma in seguito ho un opzione per entrare nel capitale di un sito di Fat-Bike motorizzate:

FatBike-Elettrica.it

Per chi non sa cosa è una Fat Bike rimedio subito, è una bicicletta abbastanza normale solo che ha delle ruote enormi in grado di assorbire gli shock del terreno e di avere trazione praticamente ovunque:

neve, sabbia, terra smossa e sdrucciolevole non sono un problema, una leggera sgonfiata alle gomme e può andare davvero ovunque.

La Fat-Bike esisteva anche prima del motore elettrico, solo che pedalare con delle ruote grandi quanto quelle di una moto o di una piccola citycar non è proprio uno sforzo indifferente alla portata di tutti:

Le sue ruote da 4 fino anche ai 5 pollici e alla bisogna a bassa pressione è vero che fanno grande presa sul terreno, ma di conseguenza l’attrito è alto e le gambe non tutti siamo dei campioni.

Problema risolto con l’arrivo dei motori elettrici finalmente performanti, responsivi e con batterie con autonomia sempre più alta, che ci permettono di fare giri lunghissimi senza il bisogno di ricaricarla o rimanere tristemente senza corrente proprio nel momento che ne abbiamo più bisogno(salite, strade difficili, nostra stanchezza).

Sono personalmente convinto che le bici elettriche, salvo interventi stupidi che ne potrebbero frenare la diffusione da parte dello stato, nel giro di pochi anni diventeranno uno dei modi di spostarsi più comune:

basso costo d’acquisto, manutenzione vicina allo zero, modelli per tutti i gusti, scelta della fatica da fare, parcheggio ed accesso ovunque anche nelle città con blocco del traffico.

Sembra quasi troppo bello per essere vero.

Per chi si affaccia al mercato delle bici elettriche solo ora, dico che vi sono principalmente due strade:

1) Comprarla già fatta

2) Farsela da soli

La prima opzione non ha bisogno di spiegazioni, ce ne sono per tutti i gusti e per tutte le tasche, partendo da ciofeche con batterie ridicole e motori alla ruota che costano meno di mille euro a superperformanti motori centrali e batterie integrate nel telaio che costano svariate migliaia di euro.

Il secondo modo necessita di un minimo di manualità e di capire bene se la bici che già abbiamo o compriamo appositamente è adatta per quel tipo di motore e soprattutto ne reggerà lo sforzo ulteriore.

Ma sono andato troppo avanti, vediamo come fare dall’inizio:

se abbiamo già una bici discreta possiamo misurare il movimento centrale dove sta l’asse su cui girano i pedali per vedere se esistono motori in commercio che vi si adattano.

Il motore può essere messo anche nelle ruote, sia anteriore che posteriore ma è una scelta notevolmente peggiore, costa meno, ma funziona molto peggio.

Altra scelta è se il motore centrale scelto lo vogliamo con sensore di pressione, che reagisce allo sforzo fatto sul pedale restituendoci maggiore spinta oppure un motore che da spinta sul numero dei giri come quelli alla ruota o addirittura con l’acceleratore.

Intanto un grande avviso:

nell’unione europea sono autorizzati a circolare solo motori con massimo 250 Watt di potenza in continua, senza acceleratore e che si attivano solo quando pedaliamo; tutti gli altri sono fuori regola e possono circolare solo su strade e circuiti privati.

Scelto il motore per la nostra bici rimane da scegliere la batteria, ve ne sono molte di bassa qualità in giro, ve le sconsiglio, una buona batteria purtroppo costa, ma l’investimento si ripaga con il tempo e con meno giramento di scatole.

Non resta che montare il tutto e divertirsi girando silenziosamente per le strade della nostra bella penisola.

Per chi non possiede una bici di buona qualità e robustezza, va comprata anche quella, ormai i freni a disco sono praticamente lo standard, meglio ancora se idraulici.

Altro particolare sono ammortizzatori e forcelle che se buone alzano di molto il prezzo, mentre il cambio è necessario solo quello posteriore, due tre corone con la bici elettrica sono più una complicazione inutile da evitare che una comodità.

Su FatBike-Elettrica.it oltre alle Fat-Bike già pronte, potete trovare anche kit completi comprensivi di motore, batterie e display comandi per elettrificare con il fai da te la vostra bici oppure motori e batterie venduti singolarmente, oltre a qualche accessorio utile a chi ha una ebike.

Se volete farvi notare ed andare ovunque con la vostra bici elettrica niente di meglio di una FatBike con motore centrale a sensore di coppia e Tecnologia Active Torque, tanto per farvi un’idea delle sue infinite possibilità guardate il video:

Back To Top