skip to Main Content
BartaMax Logo

Libera l'imprenditore che c'è in te e crea la tua Libertà Finanziaria sul web!

 

Il mio nome è Max ed ho fondato bartamax.com quando mi sono reso conto che molti non dicono la verità sul web, non dicono davvero come si guadagna con e su internet:

dicono solo quello che le persone vogliono sentirsi dire.

Apri un blog, crei il tuo sito e-Commerce, lo automatizzi e giri il mondo in barca a vela mentre il tuo sito web continua a vendere sempre di più.

Per coloro che soffrono il mal di mare o la barca gli va stretta, possono rimanere in spiaggia guardando con un occhio il mare con l'altro il telefono che ogni minuto ci dice che abbiamo venduto qualcosa.

Sai cosa, voglio provarci anche io, del resto è tutto così facile, se ci riescono quei nerd insignificanti americani, io che discendo da Leonardo da Vinci in pochi mesi faccio i fantastiliardi!

Questo pensano molti leggendo i mirabolanti guadagni di alcuni personaggi del panorama www in Italia.

Le cose non stanno così!

Guadagnare soldi sul web per chi non è pratico di questo mondo, è più difficile che nel mondo reale, l'unica grande differenza è l'investimento monetario con cui iniziare:

enorme fuori, molto piccolo almeno all'inizio sul web.

Meglio una verità scomoda che una dolce bugia, quando si tratta di migliorare la nostra vita.

Niente paura, se molti hanno sprecato enormi quantità di tempo denaro ed energia è perché non sapevano la strada, si illudevano che dato il web è così enorme basta poco per fare i soldi.

Infatti hanno ragione, basta poco per farli, però bisogna azzeccare il giusto poco, altrimenti ci rimetterai sempre e comunque.

 

Su bartamax ci sono e vi saranno sempre di più consigli operativi:

  • Dove si guadagna di più?
  • Come si aumentano i clienti?
  • Come si stabilisce che sono vanity metrics o le chiavi segrete del nostro progetto?
  • Come si combattono i nostri limiti interni che frenano il nostro percorso?
  • Perché non trovi lavoro e come trovarlo.
  • Cosa conta davvero, guadagnare o risparmiare?
  • Come attirare il giusto tipo di visitatori?
  • Quali clienti sono i migliori?
  • Come riconoscere chi si fa perdere solo tempo e chi sta per comprare.

Queste ed altre domande trovano risposta su BartaMax, in modo pratico ed utile, non solo grandi castelli di carta campati in aria.

Alcuni Post sono e saranno più leggeri, ma il succo è in quelli pesanti:

metodi, tecniche, strategie e trucchi per svoltare, per essere di più di quello che eravamo e che avevamo ieri.

 

 

Successo Personale

caratteristiche positive uomo
Dollar 1971104 1920

Investire Oggi: Come Salvarsi da Sbagliate Idee sul Fare Soldi Online

Finalmente hai l’idea giusta per investire oggi e fare soldi online, ora devi solo farla!

hai i soldi, ma non sai dove metterli, sono ormai giorni mesi che ti scervelli per trovare uno straccio di idea che faccia svoltare la tua vita e rimugini su clienti, incassi e pagamenti, finalmente credi di aver trovato l’idea giusta, tutto sembra incastrarsi alla perfezione, ma…

Nella tua testa sembra tutto molto bello, a volte hai quasi paura che sia persino troppo bello per essere vero!

Continuamente di notte dormendo, come di giorno da sveglio, sogni che:

  • la tua idea esploda,
  • abbia un successo planetario, galattico,
  • l’investire oggi ti porterà ricchezza in abbondanza,
  • la cinghia da stringere ogni anno di più è roba del passato remoto,
  • sono ricco, problemi finiti STOP!

Certo nei sogni è tutto molto facile ma poi ci si scontra con la realtà, quindi come scoprire se sarà bella, fattibile e remunerativa anche nel mondo reale?

Come sapere in anticipo se investire oggi online, ha le probabilità a favore o contro di noi?

Oppure come immaginiamo nella nostra testa, andremo via veloci con il vento sempre in poppa che ci porta verso tesori di dobloni d’oro che arrivano in automatico o quasi.

 

best way to earn money online

 

Metodo pratico per capire quando la nostra idea ha delle possibilità, quando la statistica favorevole può aiutare.

Quale che sia la tipologia di prodotto, servizio che andrete a vendere online, ricadrà al 90% in una di queste possibilità:

  • Prodotto fisico
  • Affiliazioni
  • Pubblicità
  • Software
  • Infoprodotti

Allenatore, coach, consulente personale e similari, vengono frequentemente inseriti in questo elenco:

per me sono una categoria a parte, dato  che non può essere facilmente moltiplicata(scalata verso l’alto), salvo arrivo veloce e diffuso  della clonazione:

dare consigli o insegnamenti one-to-one ricade nel mondo fisico, anche quando i clienti arrivano online o li facciamo via videochat, le dinamiche del web possono esservi applicate solo in piccola parte.

 

Ognuno dei vari metodi in elenco ha maggiore o minore possibilità di essere remunerativo, con i suoi punti forti e qualcuno debole:

il più grande punto debole è per molte persone la quantità di denaro da mettere up-front per partire.

Quando serve molto denaro, non solo aumenta immediatamente il rischio, ma non tutti hanno questo denaro da mettere e/o possono trovarlo facilmente(alcuni nemmeno difficilmente).

Dover trovare capitali più o meno significativi, apre tutto un altro capitolo di costi e/o soci con cui dividere onori ed oneri, che rende più difficile riuscire a trovarsi d’accordo su decisioni e strategie.

Lasciamo perdere per il momento il fattore trovare denaro e soci, per non complicare un qualcosa che alla base è abbastanza semplice.

Vediamo nel dettaglio i vari punti positivi e negativi dei vari metodi elencati sopra:

Un prodotto fisico è normalmente più facile da vendere di uno immateriale!

In fondo offri qualcosa di concreto, materiale che si può toccare, non solo idee o possibilità incerte di miglioramento personale, o qualsiasi altro infoprodotto.

Il prodotto fisico richiede però di investire oggi una parte a volte consistente del proprio capitale, ci sono notevoli costi di partenza e il profitto ha buone probabilità di ridursi con il passare del tempo.

Anche se arriviamo per primi a creare un prodotto utile e super richiesto, è solo questione di qualche mese prima che arrivano imitazioni, variazioni migliorative e si inneschi una spirale del prezzo verso il basso:

il nostro prodotto è diventato una commodity.

Qualcosa di standardizzato che puoi comprare ovunque:

a tot euro avrai quella qualità-quantità di prodotto, indipendentemente da dove e da chi lo compri.

Non solo hai maggiori costi con un prodotto fisico, ma appena diventa una commodity i ricavi non sono poi questo granché, devi venderne tanti, ma davvero tanti per farci qualche soldo concreto.

Ricordate fine millennio inizio anni duemila:

old pc

I computer detti personal, per distinguerli dai giganteschi mostri di solo pochi anni prima costavano un botto di soldi ed i negozianti, chiunque li vendesse, faceva soldi a palate:

li pagavano si e no un milione di lire, le vendevano come il vento a 3-5 milioni, con guadagni spaventosi.

Solo pochi anni dopo ed ecco che erano sopravvissute esclusivamente le grandi catene, che grazie agi grandi numeri di vendita, si potevano permettersi di venderli anche con la bassa, anzi ridicola marginalità a cui erano arrivati:

da un 3/500% di profitto lordo, a circa il 5% sempre lordo a cui uno deve detrarre tutte le spese generali…

Chi avesse scelto di investire soldi in quel settore avrebbe facilmente perso soldi se non si adattava al cambiamento in modo molto veloce.

Investire oggi nei prodotti fisici?

La vendita di prodotti fisici ha normalmente costi alti e bassi ricavi, salvo non si riesca a tenere molto elevati i volumi di vendita, o si abbia un prodotto, un Brand in esclusiva con margini particolarmente alti di ricarico.

Il mio monitor piatto da 15 pollici, comprato bene mi aveva portato via nel 2000 un milioncino di lire, pari ad ora come valore aggiustato per il passare degli anni a circa 700 euro:

vado a controllare i prezzi monitor di oggi e trovo che con soli 139 euro prendo un ottimo 22/24 pollici di marca leader.

Chi vende il prodotto, per quanto poco lo passa pagare, avrà sempre un guadagno massimo inferiore a 139 euro.

Senza considerare garanzie, resi, problemi di varia natura, magazzino per chi lo fa(meglio di no)…

Due veloci parole sul fare magazzino od usare l’opzione degli anni 2000:

il dropshipping!

coe-commerce

Risolve di un colpo tutti i problemi del fare magazzino e denaro da anticipare per i prodotti, ma non è oro tutto quello che luccica(o che viene spedito).

Nel dropshipping normalmente la commissione di vendita è più bassa rispetto a chi caccia i soldi prima, cosa che mi sembra anche giusta.

Il vero problema non sono i 2/3 punti percentuali in meno di ricarico, quanto che se lo puoi fare facilmente tu un e-Commerce in Dropshipping, lo possono fare facilmente anche tutti gli altri!

Se la concorrenza è alta i prezzi scendono, il prodotto diventa una commodity e i margini si restringono fino a buttare fuori i più piccoli e/o meno efficienti.

 

Investire oggi: Vendita di spazi pubblicitari.

Se conoscete qualcuno che guadagna bene in Italia con gli spazi pubblicitari sul web, i famosi banner, ditemelo che lo voglio conoscere…

Ci vogliono tanti e tali numeri di traffico, che se lo hai, ti conviene sempre fare qualche altra cosa, che di sicuro ti porta più soldi che mettere qualche banner in qua e la prendendo qualche centesimo a clic.

Comunque la spesa per mettere i banner è praticamente zero, che ripetendo su molti siti, andando a cercare settori ad alto grado di visite…

Alla fine qualcosa ci si può fare, fatto bene può portare qualche migliaio di euro nelle casse o tasche di chi ci si impegna a tempo pieno.

La mia personale idea è che non ne vale la pena, ma il mondo è bello perché è tondo, anzi sferico, anzi schiacciato ai poli…

 

Le affiliazioni sono leggermente diverse e migliori.

Il principio è che io mando dei clienti a te, ma invece che prendere due centesimi a clic sul banner io guadagno solo se tu concludi la vendita nel giro diciamo di un mese(tempo standard ma può variare).

Mi assumo una certa percentuale del rischio:

io ti fo pubblicità anche se non prendo una lira, in compenso quando le vendite ci sono le percentuali incassate sono significative.

Si parte da pochi euro fino al 30/50% del prodotto venduto, che può costare anche molto.

Avete notato che nell’ultimo anno il 90% dei marketer e di chiunque è minimamente collegato in qualche modo al web e usa le affiliazioni per guadagnare consigliano tutti immancabilmente lo stesso servizio di hosting…

All’inizio non c’ho fatto caso, ho pensato, magari se lo consigliano questi qua che respirano web anche mentre dormono sarà vero, hanno fatto dei test approfonditi e questo provider è risultato il migliore.

Certo che è il migliore!

Paga molto di più degli altri ai suoi affiliati!

Rispetto ai banner che pagano a clic è molto meglio, ci si può fare una vita anche molto dignitosa, senza poi sbattersi troppo, basta portare traffico targettizzato al nostro sito e scegliere prodotti affiliati in linea con il nostro visitatore tipo.

Come le pubblicità ha praticamente zero barriere all’entrata, tutti possono tentare la fortuna senza vendere casa ed auto:

unico appunto che condivide con i banner pubblicitari è che in alcune nazioni puoi anche tentare a fare impresa e poi se va male pace e bene fratelli…

In Italia se vuoi incassare anche 20centesimi da un banner sul web avresti, anzi sei obbligato ad aprire la Partita Iva, con i suoi costi fissi annui minimi che si porta dietro(che non sono tanto minimi…).

 

Investire oggi: Software, il sogno proibito di ogni Nerd!

Gli anni novanta ed i primi del duemila sono ormai andati, non puoi più con due righe di codice scritte nella tua cameretta invece di fare i compiti, creare un programmino che è utile e quindi trovi persone disposte a pagartelo e pure bene, quando addirittura non società affermate che pagano milioni per averlo in esclusiva.

Oggi fare software buono, di qualità che abbia almeno qualche probabilità di essere venduto costa:

richiede tempo, team di persone e quindi soldi, molti soldi.

Certo se lo azzecchi i soldi che può portare sono spaventosi:

la scalabilità è immediata e puoi passare da venderne uno a settimana a un milione al minuto senza doverti muovere dal tuo ufficio grazie ai servizi che esistono oggi in rete.

Le statistiche sul successo delle software house start-up non sono tra le migliori:

per una che sfonda ce ne sono molte che finiscono i soldi ben prima di essere arrivati a creare il prodotto.

Oppure dieci giorni prima del loro lancio che ha richiesto un anno, un altra società, magari proprio uno dei colossi(Google, Apple, Amazon) rilascia un applicaione un software, un servizio simile, però dieci volte meglio del vostro su cui avete buttato tutti i vostri risparmi.

Lo sapete qual’è l’ironia?

Che magari la rilasciano pure gratis…

Per riassumere con poche parole:

grandi guadagni se va bene, ma bassa probabilità di successo e grandi spese prima di avere un prodotto!

 

Siamo messi maluccio, mi sa che Max oggi vede tutto nero, non riesce a trovare una sola attività che valga la pena di fare.

Infoprodotti: sono il presente ed anche il futuro.

Ognuno di noi ha un’esperienza di vita che può averlo fatto diventare particolarmente bravo, esperto in un settore, o per meglio dire in un incrocio di settori, di abilità, in cui altri non riescono bene, ma vorrebbero imparare, migliorare e sono disposti a pagare per questo.

Se c’è un bisogno, è possibile soddisfarlo e se esiste persone disposte a pagare, abbiamo un business in potenza.

Possiamo crearci sopra un’attività.

I costi per fare questo anche scegliendo buoni fornitori di servizi sono praticamente nulli rispetto a fare un prodotto e venderlo oppure creare un software:

la differenza è nell’ordine di milioni o quando è bassa di molte migliaia di euro.

Volendo con un sito web da 10 euro compreso hosting ed una competenza è già possibile partire, quindi costi davvero vicini allo zero(spendendo 10 euro ricordate che avrete un servizio di quel valore, anzi meno… spendete un po’ per l’hosting che il vostro traffico ne guadagnerà).

Se i costi sono piccoli lo saranno anche i guadagni, vero?

No che non è vero, mentalità antiquata di prima della rivoluzione web:

i guadagni sono potenzialmente illimitati!

Meglio precisare, visto che di infinito non c’è niente, a parte la stupidità umana, dato che l’universo infinito, mi hanno pure traumatizzato quando me l’hanno detto, non lo è(era l’unica certezza che avevo…).

Preciso e dico che i guadagni sono limitati solo dal numero delle persone al mondo sul web!

Sono milioni, già nell’ordine di grandezza dei miliardi e continuano ad aumentare giorno dopo giorno.

La richiesta di informazioni aumenta continuamente:

vero, il Free, l’informazione ne trovi quanta ne vuoi senza spendere un euro, questo però non arresta la richiesta per prodotti, infoprodotti anche molto costosi, al contrario aiuta il suo sviluppo.

Alla fine sarà probabilmente uno degli ultimi settori ad essere sostituito dalle intelligenze artificiali  e robot di vario tipo, quindi buono anche in un ottica di lavoro che può resistere più a lungo con il passare del tempo.

Costi bassi, non vuol dire costo uguale a zero!

Chi vuole crescere, scalare al rialzo, deve spendere di più, non molto, ma comunque di più!

Pensare che con qualche 100 euro anno, fino ad arrivare a qualche migliaio facendo le cose in grande, strutturati per servire grandi numeri di clienti, puoi incassare milioni di euro è da pazzi, impensabile solo trent’anni fa.

Qualche migliaio di euro anno le paga un qualsiasi parrucchiere di provincia solo di affitto, luce, acqua e altre spesucce varie, incassando poco di più( a volte di meno) di quello che gli serve per campare.

 

Costi ragionevoli e guadagni potenzialmente illimitati, fanno diventare chiaro, lampante che l’unico settore-sistema per cui valga la pena tentare un’attività sul web, con rapporto costo beneficio a nostro favore, sia la creazione e vendita di infoprodotti di cui fanno parte anche i corsi online.

Il resto delle opzioni, abbiamo le probabilità che lavorano contro di noi:

già è difficile avere successo con le probabilità a favore, meglio non stuzzicare il fato impelagandosi in attività a cui stiamo antipatici fin dall’inizio e quindi tendono a metterci i bastoni tra le ruote.

corso online

 

Sondaggi, Guardare Pubblicità, recensione prodotti e tavanate simili…

Davvero pensate di guadagnare dei soldi, dei veri soldi facendo questo?

Non pensate che il vostro tempo valga qualcosa in più che i 50 centesimi che vi danno per compilare un questionario di 40 minuti?

Vero che non dovete investire oggi neanche un euro, ma con zero barriere d’entrata, la paga è semplicemente ridicola.

Forse non è adatto al vostro modo di vedere le cose il web:

qualsiasi altro lavoro paga di più di questi pochi centesimi, le cose sono due, o i soldi non vi servono davvero, oppure vi divertite a prendere le bastonate nella schiena…

Perdere ore per incassare qualche frazione di euro secondo me è da masochisti…

Meglio gratis, fate bella figura e potete sempre costruirvi una reputazione che vi può essere utile da monetizzare in futuro:

vi fate il vostro blog oppure non spendendo niente rispondete su Quora, su Yahoo answers o su qualche directory o forum ben frequentato.

Vero che non guadagnate niente ma alla lunga e nemmeno tanto, vi costruite una reputazione da mettere a frutto il giorno che volete guadagnare soldi veri, quando finalmente siete pronti e decidete che è l’ora di smettere di giocare e fare sul serio nella vostra vita:

siamo pronti ad investire oggi(denaro, tempo ed energie), per vedere i risultati dopo.

Il web è un luogo come del resto la vita normale dove possiamo si fare soldi ed anche molti, ma i tempi del denaro che piove dal cielo è passato da molto, se vi è mai stata veramente questa epoca che qualcuno racconta di aver vissuto.

Per investire oggi sul web ci vogliono buone idee e soprattutto serve un’ottima realizzazione dell’idea:

la messa in pratica, la realizzazione, lo svolgimento fa sempre la differenza tra un progetto ed un altro, conta molto di più della bontà dell’idea stessa.

Max

max@bartamax.com

 

 

 

Fonte calcolo rivalutazione Lira/Euro:

Purtroppo rivaluta al 2014, ma influisce poco, saranno 50 euro più o meno, la perdita di valore enorme del prezzo di vendita non cambia di molto.

Back To Top