skip to Main Content
BartaMax Logo

Libera l'imprenditore che c'è in te e crea la tua Libertà Finanziaria sul web!

 

Il mio nome è Max ed ho fondato bartamax.com quando mi sono reso conto che molti non dicono la verità sul web, non dicono davvero come si guadagna con e su internet:

dicono solo quello che le persone vogliono sentirsi dire.

Apri un blog, crei il tuo sito e-Commerce, lo automatizzi e giri il mondo in barca a vela mentre il tuo sito web continua a vendere sempre di più.

Per coloro che soffrono il mal di mare o la barca gli va stretta, possono rimanere in spiaggia guardando con un occhio il mare con l'altro il telefono che ogni minuto ci dice che abbiamo venduto qualcosa.

Sai cosa, voglio provarci anche io, del resto è tutto così facile, se ci riescono quei nerd insignificanti americani, io che discendo da Leonardo da Vinci in pochi mesi faccio i fantastiliardi!

Questo pensano molti leggendo i mirabolanti guadagni di alcuni personaggi del panorama www in Italia.

Le cose non stanno così!

Guadagnare soldi sul web per chi non è pratico di questo mondo, è più difficile che nel mondo reale, l'unica grande differenza è l'investimento monetario con cui iniziare:

enorme fuori, molto piccolo almeno all'inizio sul web.

Meglio una verità scomoda che una dolce bugia, quando si tratta di migliorare la nostra vita.

Niente paura, se molti hanno sprecato enormi quantità di tempo denaro ed energia è perché non sapevano la strada, si illudevano che dato il web è così enorme basta poco per fare i soldi.

Infatti hanno ragione, basta poco per farli, però bisogna azzeccare il giusto poco, altrimenti ci rimetterai sempre e comunque.

 

Su bartamax ci sono e vi saranno sempre di più consigli operativi:

  • Dove si guadagna di più?
  • Come si aumentano i clienti?
  • Come si stabilisce che sono vanity metrics o le chiavi segrete del nostro progetto?
  • Come si combattono i nostri limiti interni che frenano il nostro percorso?
  • Perché non trovi lavoro e come trovarlo.
  • Cosa conta davvero, guadagnare o risparmiare?
  • Come attirare il giusto tipo di visitatori?
  • Quali clienti sono i migliori?
  • Come riconoscere chi si fa perdere solo tempo e chi sta per comprare.

Queste ed altre domande trovano risposta su BartaMax, in modo pratico ed utile, non solo grandi castelli di carta campati in aria.

Alcuni Post sono e saranno più leggeri, ma il succo è in quelli pesanti:

metodi, tecniche, strategie e trucchi per svoltare, per essere di più di quello che eravamo e che avevamo ieri.

 

 

Successo Personale

caratteristiche positive uomo
Darts 102919 1920

Premiare e punire il caso, ovvero la statistica questa sconosciuta

La punizione funziona e produce miglioramenti, mentre il premio non funziona e produce un peggioramento.

Mettiamo due o più persone di abilità simile e le mettiamo alla prova, diciamo che il loro saper fare in una scala da uno a dieci è uguale a sette.

Fatta la prova vedremo che la maggior parte avranno avuto un risultato poco sopra, o poco sotto il sette con due eccezioni:

uno ha fatto quattro ed un altro ha fatto dieci.

Ogni insegnante, ogni istruttore che si rispetti cosa fa?

Premia chi ha fatto dieci e punisce severamente chi ha segnato solo quattro.

Abbiamo appena assistito a premi e punizioni dati completamente a caso, dove merito e demerito non c’entrano assolutamente niente.

Wow, Max finalmente ha fatto il salto verso la pazzia completa, lo dicevo io che era strano…

Ricapitoliamo per capire meglio:

l’abilità di questo gruppo di persone è sette, quindi colui che ha fatto 4 era in una giornata particolarmente storta, mentre chi ha fatto dieci aveva la dea bendata dalla sua parte.

Ora cosa succede?

Mettiamoli di nuovo alla prova concentrandosi solo sulle due persone che hanno ricevuto premio e punizione:

Colui che aveva fatto quattro farà quasi sicuramente sette, in fondo questa è la sua abilità, con una minore probabilità di fare qualcosa in più o in meno.

Il fenomeno da dieci della prima prova con buona probabilità farà anche lui sette, come tutti il suo livello è questo, ma ha anche una minore probabilità di fare poco peggio o meglio del sette.

Secondo voi l’istruttore cosa penserà di tutta questa situazione?

La punizione ha un alto grado di efficacia, mentre le ricompense sono controproducenti visto che portano ad un rilassamento di chi l’ha ricevuta.

Non è così, abbiamo solo visto in azione la deviazione standard o scarto quadratico medio:

avremmo avuto identici risultati anche non dando nessun premio, nessuna punizione!

Questo meccanismo è ampiamente conosciuto da matematici e studiosi di statistica, ma non così diffuso tra la gente comune anche con medio alta intelligenza, forse perchè vogliamo sempre trovare un senso logico, una connessione, un segno che siamo in grado con le nostre azioni di influenzare gli eventi e non essere in completa totale balia del caso.

Allora meglio non fare niente, non impegnarsi, non dare premi e/o punizioni?

Non tutte le situazioni sono uguali a quella descritta sopra, se l’ho portata alla vostra attenzione è per instillare il dubbio, osservare meglio per capire quando meriti e demeriti sono semplice frutto del caso o di una deviazione standard se ci piace usare paroloni.

Per capire quando è il nostro impegno, la nostra determinazione che produce miglioramenti, dovremo vedere nell’erraticità dei risultati della deviazione standard un netto trend verso l’alto, che altro non è che il nostro impegno, la nostra tendenza al miglioramento.

Nella vita pratica di un nostro progetto, impresa, acquisizione di abilità ecc. ecc. essere coscienti del fatto che risultati molto differenti dalla media sono di frequente merito del caso, ci aiuta a comprendere quando è nostro de/merito.

Una volta capito quello sopra, dobbiamo trovare un modo per togliere dall’equazione il fattore caso/coincidenza.

Come possiamo fare?

Esiste una cosa chiamata legge dei grandi numeri che semplificando molto, dice che più grande è il nostro campione e più precisa sarà la sua approssimazione al valore reale.

Tornando a noi avremo che per eliminare il caso ci devono essere grandi quantità di dati o di tempo.

Il discorso è un po’ ostico da digerire, prendiamo ad esempio un fenomeno 50/50 e vediamolo alla prova dei fatti:

lanciando una moneta in aria solo 2 volte per il vecchio testa e croce, ci sarà un’enorme probabilità che il risultato sia frutto del caso.

Lanciando la moneta 10 volte avremo forte influenza del caso ma minore rispetto all’esempio con due lanci.

Salendo a cento, mille, un milione di lanci diminuirà gradatamente il ruolo del caso ed otteniamo risultati sempre più vicini alla media:

50% di testa e 50% di croce.

Per capire se sono i nostri sforzi a produrre il miglioramento o è solo caso, basta controllare i risultati su di un numero sufficientemente grande di campioni.

Finalmente ci siamo, possiamo dare i nostri premi quando:

il trend di miglioramento sale verso l’alto ed è soprattutto confermato dal passare del tempo e/o dall’aumento del numero dei campioni.

Ecco un modello di analisi che ci può risolvere vari problemi:

distinguere le coincidenze dai meriti effettivi è utile in ogni campo, ad esempio i politici sono bravissimi ad attribuirsi i meriti di eventi accaduti solo per caso.

Il campo d’azione dove la sua applicazione è massima è però il mondo degli affari, del lavoro in generale:

abbiamo venduto più panini perchè abbiamo comprato ingredienti migliori, fatto un corso di panineria applicata e quindi risultano più buoni, creando un passaparola che ha portato più gente nel nostro negozio, oppure semplicemente un autobus di gitanti si è fermato casualmente a fare colazione da noi?

Il risultato è lo stesso sul breve periodo, cioè più panini venduti, ma nel medio lungo con la prima opzione sappiamo che più miglioriamo più il nostro business guadagna:

per la seconda opzione che è il caso, non ci possiamo fare niente, altrimenti non sarebbe caso!

Concludendo va detto che quando un miglioramento, un risultato positivo accade, dobbiamo premiarci immediatamente senza domandarci altro:

in seguito scopriremo se è merito nostro oppure no, ma è importante sempre far sapere alla Dea bendata che abbiamo apprezzato il suo intervento e può ripeterlo ogni volta che vuole.

Max

max@bartamax.com

 

Back To Top