skip to Main Content
BartaMax Logo

Libera l'imprenditore che c'è in te e crea la tua Libertà Finanziaria sul web!

 

Il mio nome è Max ed ho fondato bartamax.com quando mi sono reso conto che molti non dicono la verità sul web, non dicono davvero come si guadagna con e su internet:

dicono solo quello che le persone vogliono sentirsi dire.

Apri un blog, crei il tuo sito e-Commerce, lo automatizzi e giri il mondo in barca a vela mentre il tuo sito web continua a vendere sempre di più.

Per coloro che soffrono il mal di mare o la barca gli va stretta, possono rimanere in spiaggia guardando con un occhio il mare con l'altro il telefono che ogni minuto ci dice che abbiamo venduto qualcosa.

Sai cosa, voglio provarci anche io, del resto è tutto così facile, se ci riescono quei nerd insignificanti americani, io che discendo da Leonardo da Vinci in pochi mesi faccio i fantastiliardi!

Questo pensano molti leggendo i mirabolanti guadagni di alcuni personaggi del panorama www in Italia.

Le cose non stanno così!

Guadagnare soldi sul web per chi non è pratico di questo mondo, è più difficile che nel mondo reale, l'unica grande differenza è l'investimento monetario con cui iniziare:

enorme fuori, molto piccolo almeno all'inizio sul web.

Meglio una verità scomoda che una dolce bugia, quando si tratta di migliorare la nostra vita.

Niente paura, se molti hanno sprecato enormi quantità di tempo denaro ed energia è perché non sapevano la strada, si illudevano che dato il web è così enorme basta poco per fare i soldi.

Infatti hanno ragione, basta poco per farli, però bisogna azzeccare il giusto poco, altrimenti ci rimetterai sempre e comunque.

 

Su bartamax ci sono e vi saranno sempre di più consigli operativi:

  • Dove si guadagna di più?
  • Come si aumentano i clienti?
  • Come si stabilisce che sono vanity metrics o le chiavi segrete del nostro progetto?
  • Come si combattono i nostri limiti interni che frenano il nostro percorso?
  • Perché non trovi lavoro e come trovarlo.
  • Cosa conta davvero, guadagnare o risparmiare?
  • Come attirare il giusto tipo di visitatori?
  • Quali clienti sono i migliori?
  • Come riconoscere chi si fa perdere solo tempo e chi sta per comprare.

Queste ed altre domande trovano risposta su BartaMax, in modo pratico ed utile, non solo grandi castelli di carta campati in aria.

Alcuni Post sono e saranno più leggeri, ma il succo è in quelli pesanti:

metodi, tecniche, strategie e trucchi per svoltare, per essere di più di quello che eravamo e che avevamo ieri.

 

 

Successo Personale

caratteristiche positive uomo
Email Marketing Software 2019

5 Migliori Software di Gestione Email Marketing nel 2019

Credo proprio che sarai d’accordo con me, se dico che il numero degli email services, dei programmi di gestione email marketing, è diventato semplicemente enorme-esplosivo-sono-troppi-quale scelgo ora?

Se è già da un po’ che navighi sul web in qualità di creatore di contenuti(cioè hai un Blog o altro), può darsi che un paio o tre li hai già provati da solo, io per darti una mano e perché sono curioso come le cecche ne ho provati una decina, qualcuno anche non avendo bisogno ma solo per vedere se era meglio degli altri che già avevo…

Che volete farci, sono malato, mi piace provare i vari strumenti a disposizione, sono sicuro che se aprissi un’officina meccanica tutti i miei guadagni se ne andrebbero via in attrezzi super professionali ed ultime novità tecnologiche…

Talvolta essere “malati-fissati” aiuta pure, dato che invece che dover analizzarli da solo perdendo tempo e denaro, già l’ho fatto io per te spendendo il mio di tempo ed energie:

devi solo leggere e scegliere il miglior software di gestione posta elettronica per il marketing che meglio si confà alle tue esigenze.

Non ti interessano le loro qualità pregi e difetti, vuoi sapere subito i migliori servizi per la tua gestione di email marketing?

Puoi saltare direttamente quasi in fondo alla pagina cliccando sulla relativa voce nel menù che trovi poco sotto.

L’elenco è di sette software house nella gestione email, creazione di una lista ed invio delle stesse ai subscribers o sottoscrittori in italiano.

In realtà ne ho provati di più(te l’ho detto che ho queste leggere pulsioni), ma non li ho provati a fondo quanto una recensione del miglior software per email richiede, quindi semmai li aggiungerò in seguito.

In questo articolo puoi vedere:

Cosa io cerco e voglio in un software gestione email marketing e Newsletter

Spendere poco, tanto o niente per inviare la mia newsletter

Solo per aziende strutturate e ben piazzate questo tipo di programmi servizi email marketing

Analisi dei vari servizi disponibili da me provati.

Software gestione email: cosa cerco e voglio

Prima di passare al succo vero e proprio delle recensioni degli email software lasciami dire un paio di cose su come li valuto, cerco, scelgo nelle varie fasi che ho attraversato.

Facilità di apprendimento

Meno tempo speso per imparare e maggiore è il tempo dedicato a fare qualcosa di utile, qualcosa che porta euro nelle nostre tasche invece che li fa uscire come in fondo sono questi servizi per la gestione della posta elettronica.

In particolare quando è il tuo primo software che provi, avere una  Short Learning Curve(curva di apprendimento breve), fa la differenza tra il darti un grande aiuto a far decollare la tua lista o essere un altro problema da risolvere con tempo-energia oppure con i soldi!

Per chi ha usato a lungo uno o più fornitore di servizi email questa curva è meno importante visto che sarà molto più breve dato che molti concetti chiave funzionano in modo simile per tutti i fornitori.

Capacità di segmentare la lista secondo i miei bisogni(email segmentation)

Una delle qualità chiave è il poter dividere la tua lista in sottogruppi più piccoli basati su 2-5 10-100 cose diverse.

Faccio un esempio banale:

inutile e noioso per chi la riceve un email con lo sconto del 30% a chi ha già comprato il prodotto.

Addirittura molto dannoso quando chi riceve l’email ha pagato il prezzo pieno pochi giorni prima!

Se hai 5 email poco importa, è facile che conosci i tuoi subscribers in modo personale, ma oltre un certo numero e con posizionati vari Form che portano dentro utenti con interessi diversi, maggiore e precisa è la segmentazione degli stessi e maggiori saranno le metriche chiave come apertura delle email(open rates) e conversioni(la metrica più importante di tutte, sempre).

Vi sono due grandi gruppi su come viene gestita la segmentation dai software di marketing per posta elettronica:

  1. tramite gruppi o liste

  2. attraverso i Tag

Io trovo i Tag migliori, più pratici del dover creare ogni volta una nuova sottolista della sottolista della lista principale:

è già complicato a dirlo, a farlo è da perderci la testa se hai molti segmenti.

In pratica funziona così, quando per ipotesi un utente ha comprato qualcosa sul tuo sito:

con i tag basta mettere che a tale azione corrisponde l’attribuzione di tag cliente o nuovo cliente se è la prima volta.

Con il sistema “lista” devi creare una lista o sottolista che verrà riempita da chi esegue questa azione(il comprare).

Con i tag è facile e veloce mettere anche 1000 diversi segmenti per la stessa operazione ma appena un pochino diversa.

Esempio da sopra:

  • primo acquisto
  • secondo acquisto
  • sopra i 100 euro spesi
  • sopra i mille o 427 o quello che vuoi tu di euro spesi
  • chi ha comprato questo ed un altro prodotto con lo stesso ordine
  • chi ha comprato questo ed un altro prodotto(specifico o no) ma non nello stesso ordine di acquisto
  • ha comprato e poi cancellato l’ordine
  • ecc. ecc.

Facile intuire che il sistema a Tag se implementato bene è uno strumento di marketing potente e che porta risultati concreti.

Fare la stesso livello di segmentazione tramite liste è a volte non possibile, mentre altre richiede solo troppo, ma troppo tempo, senza considerare come è facile fare confusione con tutte queste liste e sottoliste.

 

Facilità e funzioni di Automazione email per marketing

Passati e non ritornano i tempi in cui facevi tutto manualmente:

l’utile fattore di una buona segmentazione detta sopra è proprio il fatto che ci permette di inviare email automatiche ottimizzate per tale cliente in tale momento.

L’automazione delle email inviate porta l’intero settore dell’email marketing ad un altro di gran lunga superiore livello.

Sempre con l’esempio cliente al primo acquisto visto sopra, l’automazione ci permette di inviargli email personalizzate di questo tipo:

  • grazie per il tuo acquisto
  • un codice sconto per il prossimo acquisto
  • un offerta su di un prodotto correlato
  • cento-mille altre email personalizzate e molto importante il non invio di quelle non attinenti.

In questi giorni sono in molti a dire che l’automazione è determinante nel successo di una strategia email tramite newsletter:

il bello è che hanno ragione a dirlo!

Un accurata segmentazione unita ad una automazione delle email inviate può facilmente raddoppiare, triplicare, se non decuplicare o più i tuoi utili, fornendo al tempo stesso un servizio migliore al cliente che è personalizzato in base suoi bisogni al momento.

Prezzo, prove gratuite, altre caratteristiche utili dei programmi per la gestione email

Il prezzo va sempre preso in considerazione, altrimenti è facile comprare cose migliori(non proprio facile, ma più facile).

Alcuni hanno programmi free senza limiti di tempo, altri hanno il classico prova per tot giorni prima di comprare, altri ancora o te lo compri o vai da un’altra parte a far perdere tempo che qui c’è gente che lavora ed allora se tutti non pagano…

Infine le caratteristiche non direttamente correlate alla gestione delle email ma che possono essere utili a certe categorie di utenti.

Detto questo posso partire con il primo dei:

5 Migliori software per la gestione delle email nel 2019

 

Mailchimp

Logo Mailchimp, uno dei più famosi software di gestione email, liste e newsletter

La mascotte-logo di Mailchimp è riconoscibile al volo…

Chiunque è sul web da un po’ ha provato Mailchimp:

è un colosso in termini di clienti ed ha uno dei più generosi Free Forever Plans dell’intero settore software gestione email marketing o semplice blog che sia il nostro caso.

Un immagine vale più di mezza immagine(certo Max che le tue freddure non si reggono), quindi:

 

email marketing software mailchimp: software gestione email marketing e newsletter oltre a gestire la "rubrica" dei tuoi subscribers.

Puoi lavorare usando il loro software per anni senza cacciar fuori un solo euro

I requisiti per rimanere Free sono molto semplici, basta non superare i soli due limiti messi da Mailchimp gestione email marketing:

  • Massimo 2000(duemila, wow!) subscribers alla tua newsletter

  • Invio massimo di 12000(dodicimila) email al mese

2000 sono pochi negli Usa o altre realtà in lingua inglese o altri: per l’Italia no, non sono così pochi:

se parti oggi a promuovere il tuo sito blog che hai messo online ierisera sul tardi, avrai da ridirlo molte volte voglio arrivare e superare i 2000 followers subscribers.

Mailchimp ha un’ottima interfaccia di UX design, semplice da capire e con le giuste info su come passare dalla teoria guardo un video, alla pratica come aumentare la percentuale di conversione e quindi guadagnare di più.

Dato che i guadagni per Mailchimp arrivano solo sopra i 2000 subscribers, l’azienda ha davvero a cuore la tua crescita di popolarità sul web.

Può essere una valida scelta per piccoli progetti email aziendali oppure molto personali come blog, siti vetrina ecc. ecc.

Un altro grande vantaggio di Mailchimp è che date le sue dimensioni ha un integrazione con ogni programma con cui potresti aver bisogno di collegarti.

Integrazione buona anche con Woocommerce il plugin standard per i negozi in WordPress:

c’è di più, è già predisposto tutto per fare ADS retarged supportato dall’invio di email.

Uno dei grandi difetti che molti utilizzatori chiedevano a gran voce era la mancata implementazione dei Tag, richiesta che finalmente nel 2018 è stata accolta, migliorando non di poco l’usabilità del servizio.

Il software di Mailchimp per la gestione dell’email marketing è diviso in 4 grandi aree:

  • Create

  • Connect

  • Automate

  • Optimize

Ecco nel dettaglio le 4 grandi aere:

  1) Create

si trova il vero e proprio servizio di invio email, infatti la prima voce del sottomenù è mail, la seconda Landing Page per poi passare a Google Remarketing ADS, Facebook ADS e non poteva mancare il molto di moda Instagram e suoi relativi ADS.

  2) Connect

Già detto sopra, pochi battono Mailchimp in termini di integrazioni con le altre piattaforme presenti sul web:

dall’obbligatorio WooCommerce per chi ha un negozio in WordPress, all’utile Zapier che con un po’ di creatività può aumentare di molto il grado di automazione del tutto.

Per rendere l’idea ci sono più di 15 pagine che elencano le app ed i software con cui Mailchimp è compatibile in modo semplice.

  3) Automate.

Per lungo tempo è stato il punto debole di Mailchimp, adesso dopo l’aggiornamento è decente, seppure un po’ rigido in alcune situazioni.

Ha varie automazioni già pronte che coprono i bisogni “primari” di un Blog o di un eCommerce, piùà difficile tirarci fuori qualche automazione condizionata, con split test a/b.

Credo sia una scelta commerciale non investire molto su questo settore, dato che molti clienti di Mailchimp non sono smanettoni o scafati marketer dalla lunga carriera.

  4) Optimize.

Ottimizzazione delle campagne invio email tramite Split Test A/B o con aiuto automatico di Mailchimp che ti dice il miglior orario per inviare le mail basandosi sulle tue campagne precedenti.

Sempre in termini di orario, puoi scegliere di inviare la campagna in base al fuso orario dei subscribers.

Conclusioni finali su Mailchimp email marketing software:

Considerando tutto Mailchimp è una buona scelta per chi parte ora, in particolare per chi al momento lo fa a livello di hobby e pur se poco deve solo spendere, visto che al momento il guadagno soldi online è zero di zero.

La grande popolarità di Mailchimp non sono i punti di forza interni(aggiornati a livello discreto solo da poco), quanto il suo prezzo, o meglio il suo non prezzo!

Da ricordare che seppur il piano fino a 2000 subscribers è FREE, alcune funzioni sono riservate solo a chi fa un abbonamento PRO a pagamento.

 

 

Mailchimp gestione email è adatto per:

Nuovi blogger

progetti semplici

Persone che non hanno mai gestito delle campagne email integrate con Google Remarketing ADS , Facebook o Instagram ADS.

 

Mailchimp non adatto a:

chi ha già provato uno o più degli altri software simili.

Marketer evoluti

Chi ha deciso di fare il salto di qualità adottando strategie di estrema segmentazione ed ottimizzazione.

Mailerlite

email marketing software: mailerlite è potente automazione free

Email Marketing Software con quartier generale in Europa al contrario della maggior parte delle software house, Mailerlite è molto meno conosciuto di altri servizi di marketing email simili, ma:

il loro piano Free è in questo momento il migliore che puoi trovare con spesa uguale a zero euro!

Free non significa fatto male o con poche funzioni abilitate sbloccabili solo a pagamento, tutto il contrario:

Mailerlite nel suo programma versione Free ti da tutti gli strumenti, tutte le funzioni di chi paga con il solo limite del numero di subscribers che puoi avere.

Numero che è pari a mille indirizzi diversi raggiunti da una campagna.

Negli ultimi mesi, cioè da Agosto 2018 ad ora i controlli si sono fatti molto stretti, quindi è frequente che il piano free abilita solo 500 subscribers, con l’altra metà che verrà data in seguito su richiesta e su conoscenza di nuovi dati che dovrai fornire.

A proposito di questo voglio raccontarti una mia storia personale con Mailerlite:

Chi diavolo pensa all’email marketing di Agosto…

siamo ad Agosto 2018 tutto è calmo e tranquillo, il caldo è molto ed agitarsi fa solo sudare, quando…

Un email firmata Mailchimp mi comunica che sono stati segnalati com spam e quindi gli hanno bloccato tutti gli invii di email per conto dei loro clienti, free o a pagamento nulla cambia, nessun invio di email!

Non avevo nessuna email urgente da mandare alle mie liste quindi torno al mio cocktail ghiacciato e non mi preoccupo per niente, al limite sarà qualche giorno…

Qualche giorno diventa qualche settimana, mentre Mailerlite avvisa che sta passando al setaccio gli account per vedere chi o cosa ha causato il blocco per spam.

Pure qui mia preoccupazione uguale a zero e bevo un altro cocktail con molto ghiaccio.

Finalmente dopo quasi tutto Agosto l’invio email viene ripristinato, il mio fegato tira un sospiro di sollievo, tutto è bene ciò che finisce bene, ma:

pochi giorni dopo mi arriva un email in cui uno dei miei account free è terminato effetto (quasi) immediato.

Mi danno il tempo di racimolare i miei indirizzi di posta elettronica e poi fuori subito!

Avendo già preparato vari template di email pronte da spedire nonché automazioni anche complesse, mi scoccia andarmene, visto che vuol dire buttare nel cesso qualche giornata di lavoro spesa dentro Mailerlite.

Ma tu vuoi sapere se facevo spam oppure no, vero?

Giudica tu, in un anno avevo mandato una sola email e nemmeno alla totalità dei miei scarsi 400 subscribers!

Non puoi discutere con un algoritmo, è il dio supremo punto e basta!

Contatto il supporto clienti, spiego la situazione e mi viene detto che controllerano…

Dopo un paio di giorni ecco la mail:

Ci dispiace ma l’algoritmo dice account a rischio invio di spam e quindi lo terminiamo.

La decisione dell’algoritmo è irrevocabile, quindi inutile chiedere altro!

Questi algoritmi incominciano a farmi paura:

quando sarà un software a decidere chi operare e chi no in ospedale, chi ha fatto un reato oppure ha avuto solo sfortuna e cento mille altre cose, i casi come questo influiranno ben di più nelle nostre vite, si verrà fatti fuori solo perché l’algoritmo ha detto così, ha sputato la sua condanna!

 

Torniamo a Mailerlite ecco i piani disponibili:

Mailerlite software email marketing tabella dei prezzi.

Come puoi vedere sembra ricalcato sulla concorrenza di Mailchimp:

stesso numero di email inviabili per mese, solo con la metà dei subscribers che puoi avere per il piano freee, dai 2000 della scimmietta ai mille di Mailerlite che compensa il minor numero con un piano con veri pochi limiti rispetto ai loro Pay Pro.

 

Il miglior software tra quelli trattati fino ad ora

Ho voluto mettere per primi Mailchimp e Mailerlite perché questi software di email marketing hanno piani gratuiti in cui un blogger, un piccolo eCommerce possono lavorare per lungo tempo senza spendere un centesimo fino al momento in cui il loro sito incomincia a crescere davvero.

In termini assoluti  io vado per Mailerlite, facile e potente implementazione delle automazioni, buona scelta di modelli pop-up, landing page ed email per le campagne con semplice sostituzione di contenuto in email già provate che convertono bene se usate per la giusta nicchia.

Qualora ci fosse un piccolo budget per fare retargeting con Google o far girare qualche ADS di Facebook o meglio ancora su Instagram, si può scegliere mailchimp che ci toglie di mezzo buona parte della difficoltà che incontra-scontra chiunque deve fare le prime campagne su strumenti così potenti e complessi come sono gli ADS sul web.

 

Quali software di email marketing tratterò nel prossimo futuro:

Continua nei prossimi giorni, quando ti farò vedere altri software di email marketing scelti tra questi:

Scrivi nei commenti o inviami un’email su quale servizio vorresti che fosse trattato per primo.

Iscriviti alla newsletter se vuoi rimanere aggiornato su questo ed altri articoli utili per orientarsi nella giungla dell’internet marketing.

Grazie per il tuo tempo usato per leggere i miei Post, se ti è piaciuto condividilo, a te non costa niente ed a me aiuta moltissimo ed anche di più…

Max

max[at]bartamax.com

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back To Top