skip to Main Content
BartaMax Logo

Libera l'imprenditore che c'è in te e crea la tua Libertà Finanziaria sul web!

 

Il mio nome è Max ed ho fondato bartamax.com quando mi sono reso conto che molti non dicono la verità sul web, non dicono davvero come si guadagna con e su internet:

dicono solo quello che le persone vogliono sentirsi dire.

Apri un blog, crei il tuo sito e-Commerce, lo automatizzi e giri il mondo in barca a vela mentre il tuo sito web continua a vendere sempre di più.

Per coloro che soffrono il mal di mare o la barca gli va stretta, possono rimanere in spiaggia guardando con un occhio il mare con l'altro il telefono che ogni minuto ci dice che abbiamo venduto qualcosa.

Sai cosa, voglio provarci anche io, del resto è tutto così facile, se ci riescono quei nerd insignificanti americani, io che discendo da Leonardo da Vinci in pochi mesi faccio i fantastiliardi!

Questo pensano molti leggendo i mirabolanti guadagni di alcuni personaggi del panorama www in Italia.

Le cose non stanno così!

Guadagnare soldi sul web per chi non è pratico di questo mondo, è più difficile che nel mondo reale, l'unica grande differenza è l'investimento monetario con cui iniziare:

enorme fuori, molto piccolo almeno all'inizio sul web.

Meglio una verità scomoda che una dolce bugia, quando si tratta di migliorare la nostra vita.

Niente paura, se molti hanno sprecato enormi quantità di tempo denaro ed energia è perché non sapevano la strada, si illudevano che dato il web è così enorme basta poco per fare i soldi.

Infatti hanno ragione, basta poco per farli, però bisogna azzeccare il giusto poco, altrimenti ci rimetterai sempre e comunque.

 

Su bartamax ci sono e vi saranno sempre di più consigli operativi:

  • Dove si guadagna di più?
  • Come si aumentano i clienti?
  • Come si stabilisce che sono vanity metrics o le chiavi segrete del nostro progetto?
  • Come si combattono i nostri limiti interni che frenano il nostro percorso?
  • Perché non trovi lavoro e come trovarlo.
  • Cosa conta davvero, guadagnare o risparmiare?
  • Come attirare il giusto tipo di visitatori?
  • Quali clienti sono i migliori?
  • Come riconoscere chi si fa perdere solo tempo e chi sta per comprare.

Queste ed altre domande trovano risposta su BartaMax, in modo pratico ed utile, non solo grandi castelli di carta campati in aria.

Alcuni Post sono e saranno più leggeri, ma il succo è in quelli pesanti:

metodi, tecniche, strategie e trucchi per svoltare, per essere di più di quello che eravamo e che avevamo ieri.

 

 

Successo Personale

caratteristiche positive uomo
Buffalo Cambogia 1920

Cosa nessuno ti dice riguardo al futuro del Lavoro

Lo scopo del lavoro è quello di guadagnarsi il tempo libero.”

     (Aristotele)

Aristotele che ad Atene visse ma cittadino ateniese non lo fu mai, poté osservare una società in cui i cittadini praticamente non lavoravano, essendo sostituiti nel lavoro da migliaia di schiavi che si occupavano di tutto.

Oggi nonostante i proclami di creare milioni di posti di lavoro come fossero noccioline, il lavoro, i posti di lavoro, la stessa necessità di avere un lavoro sta scomparendo sempre più velocemente.

Molti pensano, credono che questo periodo non sia che un altro cambiamento di direzione, come quelli già passati negli ultimi secoli:

prima dall’agricoltura all’industria

poi dall’industria al settore terziario.

Purtroppo, anzi per fortuna non è così, la diffusione del computer è una singolarità, cioè il punto in cui per qualche motivo, tutto cambia, le vecchie leggi non valgono più e ne scaturiscono altre completamente nuove e differenti.

La rivoluzione del pc seppur immensa è nulla rispetto a quella che potenza di calcolo, internet diffuso e sistemi che auto-apprendono porterà nei prossimi anni:

I lavori, il lavoro come lo conosciamo oggi è finito, kaput, non esisterà più:

ad esagerare servirà un 20% della forza di lavoro attuale, più probabile solo un 5% o anche molto meno.

La società ateniese ricreata in forma moderna, con al posto degli schiavi le macchine che non hanno bisogno dell’intervento umano per lavorare.

Già si vedono le prime avvisaglie, con un periodo in cui le corporazioni, le associazioni di lavoratori e la politica cercheranno di fermare, di frenare questa avanzata, questa inarrestabile invasione, ma niente può fermare il progresso(salvo una terza guerra mondiale nucleare).

Vuoi sapere se il tuo lavoro rimane, si salverà da questo cambiamento?

Non chiedertelo, domandati quando sparirà il tuo posto di lavoro, non se sparisce!

Ma cosa dici Max, i dottori ad esempio non spariranno di sicuro, è una professione troppo umana!

Sei sicuro di questo?

Sai quanto costa meno ed è molto più precisa se la diagnosi viene fatta da un computer che auto-apprende è ha a disposizione l’intero database mondiale rispetto ad un dottorino di provincia che magari quel giorno gli girano pure e che quella malattia rara non sa nemmeno che esiste.

Sai il grado di precisione e “mano ferma” che ha un braccio robotico chirurgico rispetto ad un chirurgo umano che ha appena scoperto che la moglie gli fa le corna con un nano del circo, la figlia sedicenne è incinta di un somalo ed il figlio invece che drogarsi come fanno tutti i suoi compagni è diventato gay.

La maggior parte delle persone assunte nel mondo sono nel campo guidatori di mezzi, maestri e maestre e commessi e commesse.

I mezzi, auto, camion, bus, droni capaci trasportare persone, si guidano già da soli, solo questione di tempo, i grandi centri commerciali chiudono uno dopo l’altro grazie al commercio elettronico, gli stessi negozi fisici che sopravvivono si stanno spostando verso un’automatizzazione sempre più spinta con bisogno vicino allo zero di personale umano.

Internet, il web ed i computer assorbiranno la manodopera in eccesso, osa dire qualcuno.

No, non l’assorbiranno, intanto programmare sistemi complessi ed al livello odierno, non parliamo di quello futuro non è un’attività alla portata di tutti, inoltre ormai gli stessi programmi imparano e si auto-programmano.

Salvo sorprese dell’ultimo minuto e di un altra ben più grande singolarità in cui le Intelligenze artificiali acquistano la coscienza, ed allora i problemi potrebbero essere ben altri, esiste un solo settore in cui possiamo riversare le nostre energie senza aver paura di essere sostituiti a breve.

Curiosi vero, volete saper quale è questo settore?

La creatività, qualsiasi cosa che è unica, vostra, irripetibile ed inimitabile, tutto il resto, tutto quello che non è unico, che è possibile riprodurre in serie, che è possibile programmare un algoritmo a farlo, può e sarà sicuramente fatto a breve.

Quando finalmente ci saremo levati di mezzo i fumi di scappamento del petrolio e l’intero pianeta si muoverà a corrente elettrica con fonti rinnovabili e pulite, ci sarà una sovrabbondanza di energia e praticamente tutto verrà prodotto in automatico, niente avrà più davvero un costo lavorativo umano.

I nostri avi non lavoravano, cacciavano per nutrirsi e poi stop, il lavoro ci ha permesso di poter mantenere persone che pensassero solamente, in modo di risolvere i problemi in maniera più efficiente:
ebbene ce l’abbiamo fatta, la meta è vicina, ora il lavoro può essere abbandonato, non serve più, si può mangiare anche non lavorando, lo stesso per le case, un tetto sulla testa e presto anche per i trasporti ed energia.

Possiamo vivere di rendita!

In fondo c’è sempre stata una percentuale di persone che ha vissuto di rendita, non facendo nulla di produttivo e vivendo bene uguale, spesso meglio:

ora è solo il momento di allargare il numero delle persone che possono vivere di rendita, tutto qui, niente di strano.

Se siamo a questo punto il merito è di tutta l’umanità, sia di chi ha inventato e scoperto le varie nuove cose, che di chi si spaccava la schiena nei campi:

senza chi faceva il duro lavoro, gli scienziati, i cervelloni non avrebbero avuto il tempo per pensare, avrebbero dovuto cercarsi da mangiare ed un riparo.

Quindi se il merito è di tutta l’umanità, perché solo poche persone ne devono trarre beneficio, si possono permettere di dedicarsi ad attività elevate, creative, scelte da loro e non imposte per mangiare.

Lo scenario che vi ho dipinto è abbastanza bello, purtroppo ci sono forze che remano in direzione contraria:

una popolazione che sta bene e non ha bisogni impellenti non è facile da controllare, da manipolare a proprio piacimento.

Non puoi convincere qualcuno a votare le tue idee bislacche e retoriche se lui già ha un tetto sopra la testa e i bisogni primari più che soddisfatti:

non puoi comprare la gente con promesse di tozzi di pane(spesso nemmeno dati), quando in tavola c’è già pane fresco ed una bistecchina.

Oltre alla resistenza naturale che queste idee avranno prima di affermarsi e diventare talmente logiche e scontate che diremo perché non c’abbiamo pensato prima, c’è il non indifferente fatto che siamo vicini, ma non ci siamo ancora:

ora la guerra di chi ha il lavoro, di chi ha uno stipendio e riesce a sopravvivere e chi non lo ha, diventa ogni giorno più dura, con categorie che sembravano eterne spazzate via in pochi anni.

C’è una soluzione a questo?

Certo che c’è, ogni crisi offre sempre delle magnifiche occasioni di crescita a chi sa sfruttare il vento del cambiamento.

Prima di tutto come non mi stanco mai di ripetere, leggi, leggi ed ancora leggi, l’informazione, il sapere sono le nostre armi contro il venire sorpassati dai tempi.

Purtroppo no, mi dispiace davvero, ma questo è:

stare tutto il giorno a spettegolare su Facebook e commentare foto di gattini o Porn Food su Instagram non vale come leggere ed essere informati.

Creati il tuo Personal Brand!

Internet è una vetrina sul mondo e come tale va sfruttata, ormai non è più un vezzo, ma una necessità:

fino a qualche anno fa era come i cellulari negli anni 80/90, una cosa che poche strane persone avevano e non si sapeva bene a che cosa gli servissero se non avvisare moglie o mammadi mettere la pasta…

Ora abbiamo tutti lo smartphone in tasca e chi non lo ha è considerato un retrogrado, nemmeno si usano più i messaggi, spesso neanche le telefonate, le App di messaggistica tramite Internet hanno cambiato le carte in tavola.

In questa società liquida dove è vero che puoi fare i soldi molto velocemente ma è anche vero che per un’attività nuova che esplode ce ne sono altre magari secolari che chiudono, l’unica risorsa è con calma e pazienza puntare su di noi, sulle nostre unicità.

Fregatene se non è la tua passione, se è solo una cosa curiosa che vuoi provare:

prova, sperimenta, crea, con il tempo vedrai ciò che ti riesce meglio, che risuona maggiormente con il mondo, a volte sono gli altri a scoprire le nostre virtù, noi siamo troppo vicini per riconoscerle.

Soprattutto all’inizio fallo per il semplice gusto di farlo, ci sarà tempo per monetizzare, per convertire, per trasformare i visitatori in clienti:

fregatene di questo, l’eccessiva ricerca del commerciale produce falsità e contenuti tutti uguali che non possono andare d’accordo con la creatività, con il fare qualcosa di diverso di unico, di tuo, di veramente originale.

Una volta individuata la tua strada, il tuo modo di porti, poco importa se scrivendo, con delle vignette ironiche, con pitture, musiche o altro ancora:

quello che conta è che sarà più facile risuonare con il mondo.

Perché in fondo se sono solo i soldi quelli che cerchi, non hai capito ancora niente di quello che ho detto finora:

Stai ancora cercando un lavoro!

 

Max

max@bartamax.com

www.BartaMax.com

 

P.S.

In questo articolo Il Personal Brand è stato trattato solo da un punto di vista generale, solo per far capire la sua importanza, nei futuri Post sull’argomento vedremo il tutto tradotto in pratica:

Come agire in concreto per crearsi un Personal Brand che ci permetta di spiccare positivamente dalla mediocrità dominante.

Back To Top