skip to Main Content
BartaMax Logo

Libera l'imprenditore che c'è in te e crea la tua Libertà Finanziaria sul web!

 

Il mio nome è Max ed ho fondato bartamax.com quando mi sono reso conto che molti non dicono la verità sul web, non dicono davvero come si guadagna con e su internet:

dicono solo quello che le persone vogliono sentirsi dire.

Apri un blog, crei il tuo sito e-Commerce, lo automatizzi e giri il mondo in barca a vela mentre il tuo sito web continua a vendere sempre di più.

Per coloro che soffrono il mal di mare o la barca gli va stretta, possono rimanere in spiaggia guardando con un occhio il mare con l'altro il telefono che ogni minuto ci dice che abbiamo venduto qualcosa.

Sai cosa, voglio provarci anche io, del resto è tutto così facile, se ci riescono quei nerd insignificanti americani, io che discendo da Leonardo da Vinci in pochi mesi faccio i fantastiliardi!

Questo pensano molti leggendo i mirabolanti guadagni di alcuni personaggi del panorama www in Italia.

Le cose non stanno così!

Guadagnare soldi sul web per chi non è pratico di questo mondo, è più difficile che nel mondo reale, l'unica grande differenza è l'investimento monetario con cui iniziare:

enorme fuori, molto piccolo almeno all'inizio sul web.

Meglio una verità scomoda che una dolce bugia, quando si tratta di migliorare la nostra vita.

Niente paura, se molti hanno sprecato enormi quantità di tempo denaro ed energia è perché non sapevano la strada, si illudevano che dato il web è così enorme basta poco per fare i soldi.

Infatti hanno ragione, basta poco per farli, però bisogna azzeccare il giusto poco, altrimenti ci rimetterai sempre e comunque.

 

Su bartamax ci sono e vi saranno sempre di più consigli operativi:

  • Dove si guadagna di più?
  • Come si aumentano i clienti?
  • Come si stabilisce che sono vanity metrics o le chiavi segrete del nostro progetto?
  • Come si combattono i nostri limiti interni che frenano il nostro percorso?
  • Perché non trovi lavoro e come trovarlo.
  • Cosa conta davvero, guadagnare o risparmiare?
  • Come attirare il giusto tipo di visitatori?
  • Quali clienti sono i migliori?
  • Come riconoscere chi si fa perdere solo tempo e chi sta per comprare.

Queste ed altre domande trovano risposta su BartaMax, in modo pratico ed utile, non solo grandi castelli di carta campati in aria.

Alcuni Post sono e saranno più leggeri, ma il succo è in quelli pesanti:

metodi, tecniche, strategie e trucchi per svoltare, per essere di più di quello che eravamo e che avevamo ieri.

 

 

Successo Personale

caratteristiche positive uomo
Believe Yourself 928386

Chi fa un corso di Autostima non capisce niente

Mario non capisce niente!

Questo mi dice dopo due chiacchiere di rito un mio conoscente, chiamiamolo Giovanni tante volte mi leggesse, ma non credo, al quale io domando stupito il perchè e subito vengo gelato:

Perché mi ha raccontato che è stato a fare un corso di autostima il fine settimana scorso ed ha anche pagato!

Gli dico che a mio avviso ha fatto bene e quindi chiedo a lui che critica se pensa di avere l’autostima alta?

Certo, mi dice, io se sono in una città che non conosco non ho certo paura a trovare una strada…

Pietosamente lo fermo prima che finisca di smerdarsi ulteriormente da solo, spiegandogli che per quello c’è il navigatore, in ogni modo al limite sarebbe avere un buon senso dell’orientamento, non autostima.

Senza considerare che il critico Giovanni è senza lavoro fisso da circa dieci anni, con diploma in ragioneria ormai inutile e con speranze, nonché voglia di cercarsi o crearsi un lavoro poco lontane dallo zero(dalla parte negativa of course).

Mario il corsista dalla “bassa autostima” è invece programmatore di sistemi con lavoro stabile e ben pagato:

sono sicuro che potrebbe cambiare la sua occupazione in meglio anche domani, se solo lo volesse.

Il primo passo verso la conoscenza è il sapere di non sapere

Questa è la triste situazione con cui ci dobbiamo confrontare ogni giorno, essere mosche bianche che cercano di migliorarsi, di crescere nei vari ambiti della vita,non è visto molto bene:

per ora siamo ancora quelli “strani”.

Non ho avuto il coraggio di dire a Giovanni che io come altre persone che conosco, di corsi di Autostima e non, ne abbiamo pagati ben più di uno e quando ne troveremo altri che ci sembrano adatti saremo in prima fila per partecipare.

Troppo facile altrimenti lamentarsi e basta, criticare chi cerca di salire, chi vuole  stare al passo con i tempi, di migliorare senza perdere di vista la propria dimensione umana:

le critiche da bar sport non hanno mai prodotto niente di utile.

Facile dire che in Germania si che gli operai vengono pagati, non sapendo che molti sono in realtà tecnici, hanno delle specializzazioni, delle abilità particolari, si aggiornano e imparano nuove cose, altrimenti non lavorano.

Chi non si aggiorna è finito, il mondo è cambiato, la società liquida è arrivata:

se proprio ti mancano pochi anni alla pensione forse te la cavi, sempre che riesci poi a camparci con la pensione…

per tutti gli altri è il momento di fare un cambio prima di tutto mentale:

smettere di piangersi addosso e capire che se è vero che molte certezze sono cadute:

Nella vita l’unica certezza è che non vi sono certezze”

Al tempo stesso sono caduti anche molti muri, molte barriere che prima impedivano alla gente normale di avere il successo che si meritavano.

Io da una parte li capisco pure, chi resiste, chi cerca con forza di resistere al nuovo, i nostri nonni, i nostri stessi genitori sono cresciuti ed invecchiati in un mondo diverso, fatto di cambiamenti lenti e molti valori quasi sicuri:

“studia, trovati un buon lavoro, una brava ragazza, metti su famiglia, compra la casa fai figli, pensione dove finalmente puoi goderti gli hobby che hai rimandato per quarantanni e dopo muori felice”

Purtroppo o per fortuna, il mutamento costante universale di ogni cosa viva, ha in questi ultimi anni accelerato bruscamente, siamo in un cambiamento epocale simile ma ancor più grande di quello che devono aver sperimentato i nostri avi durante la rivoluzione industriale. Oppure la rivoluzione ben più tragica dell’invenzione della polvere da sparo:

Non portare mai un coltello ad un duello con le pistole”

La storia si ripete, i primi sparuti gruppi di selvaggi niente poterono quando l’innovazione della falange romana con la sua efficienza fece in pochi anni strage di tutti i ferocissimi ma disorganizzati eserciti locali.

La potenza della strategia con ingegneri in grado di fare ponti in pochi giorni, strade che ancora percorriamo dopo duemila anni per rifornire velocemente le truppe, macchine da guerra ed in più la sincronia e sinergia del gruppo ebbero facile vita contro il valore e la ferocia del singolo che erano il modello ormai superato.

Le nuove tecnologie non solo sono più efficienti, costano anche meno e si riproducono più facilmente”

Che cavolo stai dicendo BartaMax caro, l’iphone nuovo costa un botto, per non parlare del S8 o il nuovo Mac portatile…

Certo che costa, ma come era più facile addestrare un legionario a stare nel centro del gruppo e lancia in avanti seguendo gli ordini del centurione, rispetto a creare un bravo valoroso singolo, così con l’iphone ma ormai anche con telefoni da un paio di 100 euro puoi fare cose impensabili solo 30 anni fa.

Ti ci sarebbe voluto una macchina fotografica che costava un botto, senza considerare il prezzo della videocamera, poi avresti dovuto saperla usare:

per gli effetti che ora sono così comuni prima ci volevano studi di persone per fare anche i più semplici.

Ormai si possono fare migliaia di cose a costo zero o quasi, per i nostalgici ci sono anche quelli che telefonano pure.

Voler fermare il progresso tecnologico è voler lottare contro i mulini a vento:

bello e valoroso ma profondamente inutile.”

Chiudiamo la lunga divagazione e torniamo al nostro corsista Mario, tra l’altro mio amico d’infanzia:

sono pronto a scommettere che non avrà grandi problemi nella sua vita professionale e probabilmente anche in quella personale:

lui come altri non si accontenta del suo già buono status quo, ma si esamina ogni giorno per vedere se ci sono lati della sua vita che hanno bisogno di un’ulteriore spinta.

Quando ciò accade è pronto a pagare in tempo e denaro per migliorare ulteriormente:

Tu quanto hai speso in formazione, aggiornamento professionale e miglioramento personale nell’ultimo anno?

Ti riconosci in Mario o Giovanni?

Pensi sia inutile ed in fondo anche un po’ stupido sprecare soldi con persone che vendono l’aria fritta del miglioramento personale, autostima, o come vogliono chiamarlo di volta in volta per fregare più gente, arricchendosi al tempo stesso alle loro spalle.

Oppure credi che nonostante hai dedicato una parte consistente del tuo budget tempo e denaro a questi argomenti, sono  soldi spesi bene ed il loro ritorno, è come è sempre stato uno tra gli investimenti migliori che potevi fare.

Nessuno ti può togliere ciò che hai appreso:

se non investi tu su te stesso, come puoi pretendere che lo facciano gli altri?”

 

Fatemi sapere il vostro pensiero nei commenti qui sotto.

Max

Back To Top